Il caffè è la bevanda dei geni: 8 personaggi che non potevano farne a meno


Caffè per tutti!


Il caffè è una delle bevande più amate in tutto il mondo; sono tantissimi, infatti, i ragazzi, gli adulti e gli anziani che non possono fare a meno di bere almeno un paio di caffè al giorno.


Tuttavia, il caffè non è solo la bevanda più bevuta dalle persone comuni che la vedono come il Santo Graal dell’energia per arrivare a fine giornata, ma anche quella preferita da molti geni e talenti straordi che spesso ne erano addirittura ossessionati!


Curiosi di scoprire chi sono le celebrità del mondo della musica, della letteratura e della politica che amavano il caffè? Bottega del Caffè è pronta a svelarvi i loro illustri nomi!


Honoré De Balzac - Tra i personaggi celebri più ossessionati dal caffè c’è sicuramente Honoré De Balzac. Ne era così dipendente che, si dice, arrivò a berne anche 50 tazze al giorno durante la stesura della celebre opera La Commedia Umana! Nel 1830 dedicò alla bevanda anche l’appendice per la Physiologie du goût di Brillat-Savarin che intitolò Piaceri e dolori del caffè, in cui si legge: "Il caffè scivola nello stomaco, e subito avverti una commozione generale. Le idee cominciano a muoversi come battaglioni della Grande Armata sul campo di battaglia, e la battaglia si svolge. I ricordi arrivano al galoppo, portati dal vento".


Johann Sebastian Bach - Il genio della musica amava così tanto il caffè che nel 1732 dedicò alla bevanda un’opera che intitolò La cantata del caffè, in cui il compositore prendeva in giro i viennesi che protestavano contro la diffusione del caffè. All’epoca, infatti, la bevanda era vista come immorale ed era sinonimo di vizio. Si racconta che Bach ne bevesse minimo 3 tazze al giorno.


Margaret Atwood - Si dice che la poetessa canadese non potesse fare a meno della sua colazione a base di caffè macchiato, con panna o semplice, tanto che arrivò a dire “Non do alcuna importanza alle tisane, mi rivolgo direttamente al vero, vile caffè”. La Atwood amava così tanto la bevanda che fondò anche una catena di locali, la Balzac’s Coffee Roasters.


Teddy Roosevelt - Si racconta che il 26esimo Presidente degli Stati Uniti beveva fino a mezzo litro di caffè al giorno! La cosa più strana, tuttavia, è che aggiungeva dalle 5 alle 7 zollette di zucchero per tazza.


Agatha Christie - La scrittrice e drammaturga britannica amava così tanto il caffè che lo fece diventare il protagonista di una delle sue piece teatrali intitolata Caffè Nero. La vittima, sulla cui morte indaga Poirot, viene infatti ucciso dal veleno aggiunto al suo caffè!


Ludwig Van Beethoven - Il celebre compositore e pianista tedesco amava il caffè alla follia e seguiva un rito molto particolare nel prepararlo: si dice, infatti, che utilizzasse esattamente 60 grani al giorno per realizzare la bevanda perfetta, che contava scrupolosamente.


David Lynch - Il regista americano sembra essere così ossessionato dal caffè da berne anche fino a 20 tazze al giorno. L’espresso non deve essere amaro per essere di suo gradimento ed ama anche il cappuccino. Lynch ha addirittura creato la sua miscela personale, che è diventata una delle più amate negli USA. Se prestate attenzione ai dettagli, noterete che in tutte le sue serie ed in tutti i suoi film c’è almeno un personaggio che non può fare a meno della bevanda.


Voltaire - Il genio francese è stato sicuramente uno dei personaggi più dipendenti dal caffè della storia. Pare, infatti, che ne arrivasse a bere anche più di 40 tazze al giorno. Tuttavia, quello che beveva non era semplice espresso, ma caffè mescolato con cioccolata (un vero genio anche nel gusto culinario, a nostro dire)!




BOTTEGA DEL CAFFE
C.F. o P.I. 09499380963
via Gabriele D'Annunzio 2/B - 20835, Muggiò (MB)
Tel: +39 3454164274
Email: info@bottegadelcaffe.net
SERVIZIO CLIENTI
NAVIGA IL SITO

Tutti i marchi presenti sul sito non sono proprietà di bottega del caffè o di aziende ad essa collegate