Gli effetti del caffè sono questioni di genetica


Vi è mai capitato di sentire che una persona non può bere caffè dopo una certa ora o non sarà più in grado di dormire e non capire come sia possibile oppure il contrario, guardare stupefatti una persona bere numerosi espresso sia di giorno che di sera e non comprendere come faccia ad essere così calma?


La risposta è nei geni! È stato scoperto, infatti, che la metabolizzazione della caffeina è una questione genetica. La metabolizzazione della caffeina è regolata da numerose sostanze tra cui spiccano alcuni enzimi, responsabili del 95% del lavoro.


Questi enzimi sono prodotti dal gene CYP1A2 ed in base alla versione presente nel corredo genetico della persona, questa metabolizzerà più o meno velocemente la caffeina determinando così effetti acuti o moderati sul corpo.


Quando il gene è molto attivo, l’effetto della caffeina scompare immediatamente, mentre se il gene determina una minore produzione di enzimi l’effetto della caffeina sul corpo può durare anche fino a 4 ore!


Ma non è tutto: la capacità del caffè di stimolare il cervello e renderci più attivi è determinata anche dalla sensibilità dei neuroni alla caffeina o all’adenosina. Se questi “prediligono” la caffeina la persona resterà attenta più a lungo, se essi “prediligono” l’adenosina la persona si stancherà più facilmente.


Secondo J.W. Langer, medico e divulgatore scientifico, la combinazione di queste due varianti genetiche permette di suddividere i consumatori di caffè in 3 categorie: ad alta, media e bassa sensibilità al caffè. Nel primo caso la persona avrà la variante del gene CYP1A2 che produce meno enzimi e recettori che “sono attratti” dalla caffeina, nell’ultimo caso la persona avrà la variante del gene CYP1A2 che produce tanti enzimi e recettori nervosi che interagiscono meglio con l’adenosina. Se la sensibilità al caffè è media è probabile che i due geni siano contrastanti tra loro.


A seconda del tipo di geni ed a parità di effetti, quindi, è normale che alcune persone bevano più caffè al giorno di altre. Si consiglia comunque di limitare il consumo giornaliero a 5 tazze e di scegliere miscele di alta qualità, in grado di apportare una buona quantità di antiossidanti.




Post recenti

Mostra tutti
BOTTEGA DEL CAFFE
C.F. o P.I. 09499380963
via Gabriele D'Annunzio 2/B - 20835, Muggiò (MB)
Tel: +39 3454164274
Email: info@bottegadelcaffe.net
SERVIZIO CLIENTI
NAVIGA IL SITO

Tutti i marchi presenti sul sito non sono proprietà di bottega del caffè o di aziende ad essa collegate